Fontana di Trevi

Fontana di Trevi

Una meraviglia di acqua e pietra. Uno degli acquedotti antichi in uso ininterrottamente fino ai nostri giorni, è la più nota delle fontane romane. Il suo nome deriva da un toponimo regio Trivii, riferito al triplice sbocco dell’acqua dell’originaria fontana oppure alla confluenza di tre vie nella piazza. La realizzazione dell’attuale fontana di Trevi si deve a papa Clemente XII che, nel 1732 indisse un concorso al quale partecipano i maggiori artisti dell’epoca e scelse il progetto dell’architetto Nicola Salvi. Al centro domina la statua di Oceano alla guida del cocchio a forma di conchiglia, trainato dal cavallo iroso e dal cavallo placido, frenati da due tritoni. Nel prospetto, articolato come un arco di trionfo, si trovano due rilievi che alludono alla storia dell’acquedotto e figure allegoriche collegate agli effetti benefici dell’acqua lo decorano a vari livelli: a destra, la vergine che indica la sorgente ai soldati romani e, a sinistra, Agrippa che ordina l’avvio dei lavori di costruzione dell’acquedotto. Completano il monumento due figure allegoriche che esaltano gli effetti benefici dell’acqua, la Salubrità e l’Abbondanza, poste nelle nicchie laterali. La costruzione viene conclusa da Giuseppe Pannini.

Una leggenda prescrive di lanciare tre monete nella fontana, ognuna delle quali equivale a un desiderio: la prima moneta è legata al ritorno a Roma se la lanci tornerai almeno un’altra volta nella vita nella Città Eterna.; la seconda all’incontro con l’amore della propria vita e la terza all’avverarsi del desiderio di matrimonio.

Costo: Gratis

INDIRIZZO: Piazza di Trevi

Morgana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *